47ac33d8-97b6-4a85-8257-1621af4ee977

Un cavallo con dei vizi può essere frustrante e persino sconvolgente, ma cosa si può fare per gestirli, ridurli e prevenirli?

Anche se sembra negativo, il termine “vizio” è semplicemente un modo per descrivere comportamenti equini anormali. I vizi sono più correttamente definiti “redibitori” quando sono sequenze di comportamenti ripetuti e appresi che non hanno uno scopo evidente. I cavalli di solito li sviluppano come un modo per affrontare lo stress o per compensare qualcosa che manca nella loro vita. Una volta radicati, i vizi redibitori possono essere quasi impossibili da togliere.

Gli studi dimostrano che i cavalli che mostrano questo tipo di vizi hanno un livello più elevato dell’ormone dello stress, il cortisolo, quindi si pensa che ci sia un collegamento. È stato anche dimostrato che i cavalli hanno un livello più elevato di endorfine, l’ormone del benessere, quando mettono in atto questo tipo di comportamento, il che significa che ricevono appagamento. Per questo motivo, cercare di impedire al tuo cavallo di eseguirlo può effettivamente causargli più stress, quindi quando gli sarà permesso di riprenderlo, lo farà a un ritmo maggiore per compensare. Invece, il modo migliore per gestire i vizi della scuderia è ridurre i potenziali stress nella vita del tuo cavallo in modo che sia meno propenso a mettere in atto quel comportamento.

Lo sapevate? I vizi devono essere riferiti quando si vende il cavallo e potrebbero avere un impatto sul suo prezzo di vendita.

Tipi di vizi : i vizi redibitori si dividono in due tipi diversi…

I vizi orali sono comportamenti che coinvolgono la bocca del cavallo e includono il “ticchio in aria “, mordere il box e masticare il legno.

I vizi locomotori si verificano quando il cavallo si muove con un movimento costante e ripetitivo, come il “ballo dell’orso “.

Lo sapevate? Sebbene molte persone sostengano che i cavalli possano sviluppare dei vizi copiando da altri loro simili, ciò non è mai stato scientificamente provato ed è più probabile che gli stessi fattori di stress colpiscano più animali allo stesso modo e nello stesso tempo.

La Fibra, innanzitutto

Offri al tuo cavallo una dieta ricca di fibre. I cavalli hanno un desiderio innato di masticare e il fatto che ciò gli venga negato può renderli più inclini a sviluppare o mettere in pratica vizi redibitori orali. I mangimi con fibre richiedono molta più masticazione rispetto ai concentrati e hanno un volume maggiore, quindi impiegano molto più tempo per essere mangiati. Per questo motivo, la fibra offre il vantaggio di tenerlo occupato più a lungo, il che significa che lo distrarrà dal mettere in atto qualsiasi comportamento redibitorio. La masticazione extra produce anche più saliva, importante per una buona salute gastrica e aiuta la digestione. Gli studi suggeriscono che lasciare i cavalli senza foraggio per lunghi periodi può aumentare il rischio che si formino comportamenti viziosi quindi consigliamo di somministrare almeno 6-8 kg al giorno per contrastare questo fenomeno.

Aria aperta e movimento

I vizi sembrano essere molto meno comuni nei cavalli tenuti al prato, quindi è importante offrire al tuo cavallo piu relax possibile all’aperto I cavalli si sono evoluti per trascorrere la maggior parte del loro tempo pascolando – cosa che soddisfa il loro bisogno di masticare – spostandosi per trovare cibo e acqua, e i cavalli in natura possono percorrere molti chilometri al giorno. Trascorrere molto tempo in una scuderia impedisce ai cavalli domestici di mettere in atto questo comportamento naturale, causando stress. Il fatto che venga loro negato il movimento spontaneo all’aperto può anche aumentare il rischio di sviluppare vizi locomotori.

I vizi possono avere collegamenti con la noia. Anche se uscire con i suoi simili può offrire al tuo cavallo molti stimoli, se è nella scuderia le distrazioni possono scarseggiare. Se deve passarci molto tempo da solo , ecco alcune idee per distogliere la mente da eventuali comportamenti indesiderati…

Dagli un giocattolo stabile con cui giocare
nascondi le carote nella sua rete da fieno o -nella lettiera in modo che possa usare un comportamento naturale di foraggiamento
metti le mele nel secchio dell’acqua in modo che possa prenderle
dividere la sua razione di foraggio in più reti e spargerle intorno alla sua stalla
mettilo in un posto con molte attività da guardare
trova delle scuse per farlo uscire dalla sua stalla, come portarlo a pascolare o con il pretesto di pulirlo o spazzolarlo.
Lo sapevate? Gli scienziati ritengono che i vizi possano formarsi o peggiorare quando al cavallo viene impedito di svolgere un comportamento o un’azione normale. Ad esempio, un cavallo può mordere di più quando sta aspettando il pasto o ha fame, oppure un vizio locomotorio potrebbe peggiorare quando vuole essere portato nei campi.

Meglio in compagnia

Sappiamo tutti che i cavalli sono creature sociali e vedersi negare l’opportunità di interagire con i propri simili può essere molto stressante: i cavalli tenuti in isolamento hanno molte più probabilità di sviluppare vizi rispetto a quelli che hanno un contatto visivo con altri cavalli dalle loro scuderie o paddock. Dar loro da mangiare alla mangiatoia in gruppo è la soluzione che meno facilmente può provocare un comportamento redibitorio ma questo non è sempre pratico o disponibile per i cavalli nei paddock dove non ci sia abbastanza spazio.

Se il tuo cavallo deve trascorrere molto tempo nel suo box, prova a sceglierne uno che abbia delle sbarre o una griglia tra lui e gli altri su entrambi i lati in modo che possa interagire con i suoi vicini – assicurati però che vada d’accordo con loro , oppure potresti causargli più stress. Se ciò non è possibile, una buona visuale sull’esterno può essere una buona alternativa.

Lo sapevate? Si ritiene che alcuni cavalli siano geneticamente più predisposti rispetto ad altri di sviluppare vizi redibitori.

Mantenerlo occupato

La mancanza di esercizio fisico può essere un altro fattore che contribuisce, quindi cerca di farne fare quanto più possibile al tuo cavallo. In poche parole, non può mettere in atto un comportamento redibitorio se sta lavorando e ciò aiuterà a dissipare qualsiasi energia irrequieta che potrebbe altrimenti essere incanalata in vizi locomotori. Mantieni vario anche il suo lavoro: alterna piu’ tipi di diversi lavori possibili , e cerca di sfruttare al meglio il clima più gradevole per pianificare alcune escursioni più lontane da casa.

Se hai poco tempo o lui deve trascorrere la maggior parte del tempo da scuderizzato, perché non provare a fare due sessioni brevi anziché una più lunga? Quindici minuti di movimento al mattino e mezz’ora la sera spezzeranno la giornata molto più di un’ora di lavoro di routine.

Può anche non dipendere dalla gestione

Si ritiene che vi siano altri fattori gestionali legati ai vizi , alcuni dei quali sono molto più difficili da controllare. Uno svezzamento precoce o traumatico può innescare lo sviluppo di tali comportamenti, così come un improvviso cambiamento nella routine o nell’ambiente.

Consiglio Importante: di norma, più è ricca e appagante è la vita del tuo cavallo e più stimoli gli fornisci, meno è probabile che sviluppi o realizzi dei vizi.

Preoccupazioni per la salute

Cercare di gestire i vizi è importante perché questi comportamenti influiscono sulla salute del tuo cavallo. Coloro che presentano vizi orali corrono un rischio maggiore di coliche e vi sono collegamenti con altre condizioni gastrointestinali, comprese le ulcere. I cavalli che “ticchiano“ consumano i loro denti in modo innaturale. I vizi locomotori possono causare un’usura irregolare degli zoccoli e un carico irregolare delle articolazioni, oltre a un aumento del rischio di danni alla tibia e al ginocchio.

https://www.horseandrideruk.com/expert-advice/articles/manage-prevent-stable-vices/

0 14