6e151ccd-f33f-4345-846d-910aa26948ee

L’American Quarter Horse fu il cavallo che ruppe le zolle aride dove sarebbero state costruite le fattorie, che trasportò i cacciatori di bisonti lungo il Llano Estacado e componeva le “remudas” della transumanza delle mandrie dal Rio Grande fino alle creste montuose dell’Alberta, in Canada. Fu il cavallo ideale, fisicamente adatto e con il temperamento per la sfida e la vita dura della Conquista del West.

Le corse del quarto di miglio erano parte dei passatempi della vita quotidiana nel primo West come le riunioni delle donne per la confezione delle tipiche trapunte ( il “quilting” ) e la vita nelle fattorie. Dalle terre agricole di Illinois e Ohio, sulle colline del Kentucky, Missouri e Arkansas, attraverso i territori dei Nativi e la terra “bayou “ della Louisiana e fino alle distese del Texas, gli uomini erano sempre pronti a far competere i loro compagni equini in cambio di una caraffa di whisky di granoturco, o per denaro.

Se al Texas non spetta il credito della progenie della razza, c’è poco dubbio sul fatto che vi abbia trovato una casa naturale. Finora il valore più importante dell’animale è stato la sua abilità nella corsa sulle distanze brevi. Nel Texas, divenne anche un cavallo da mandria. Poiché fu nel Texas che l’industria del bestiame ha avuto origine, e fu il Quarter Horse che portò i ragazzi delle fattorie fuori dai campi di cotone, li rese mandriani e li portò lungo i percorsi delle transumanze dei “Longhorn” fin nella Storia del West. I pionieri compresero che questo ibrido avessero un “cow sense “( senso della mandria) innato, rendendolo molto popolare con i mandriani sui ranch.

Soprattutto le linee di sangue più importanti del Quarter Horse erano rappresentate nell’epoca della frontiera aperta dei grandi percorsi di esplorazione del Texas.

Il leggendario Steel Dust vi arrivò intorno al 1844, e cinque anni più tardi, arrivò anche il grande cavallo Shiloh. Il figlio di Billy, nato da una figlia di Steel Dust, divenne la fonte dei Quarter horse del Texas. L’industria del bestiame iniziò a svilupparsi alla fine della guerra civile. All’inizio, il bestiame selvaggio si raccoglieva nella terra arida e sterposa del sud del Texas, riunita in mandrie e condotta verso nord alla ferrovia nel Kansas. I mandriani e gli allevatori tenevano in gran considerazione il Quarter Horse. Era quello che riusciva a fare il lavoro, a far prendere gli animali alla corda nella sterpaglia, muovendo le mandrie lungo la Chrishom Trail per poi gareggiare contro i suoi simili giù per le strade polverose delle città agricole del Kansas come Dodge City e Abilene.

Era un’ epoca quando, come si diceva, “un uomo a piedi non è un uomo per niente ”. Il preferito del cowboy era il Quarter Horse, lo chiamavano “Steeldusts”, dal nome del grande stallone i cui trionfi nella corsa erano conosciuti in tutto il paese delle terre agricole.

Durante la seconda fase dell’industria del bestiame, il “ranching” si era ormai stabilito attraverso tutta la Grande Prateria. I buoni cavalli erano importanti per un allevamento di successo quanto l’erba e l’acqua . Gli uomini che aprirono le praterie a questa attività allevavano buoni cavalli prima di provare a migliorare le loro razze di bovini . Riconoscevano il valore dei cavalli che i texani chiamavano “Steeldusts” . Molti di questi primi mandriani conoscevano quello di cui avevano bisogno, ed allevavano il loro bestiame con uno scopo. I Quarter Horse facevano il loro lavoro, e l’allevamento dava i suoi buoni frutti. L’allevatore che comprendeva questo e lo riconosceva era soddisfatto, e manteneva il sangue puro.

Dallo scattante cavallo coloniale al cavallo rustico ma veloce da mandria, queste radici da corsa e da ranch fornirono le basi su cui si basa l”American Quarter Horse “ si deve molto agli uomini che, senza il beneficio di un registro della razza o di un formale libro genealogico, apprezzarono il merito di questi ottimi cavalli e preservarono l’integrità del sangue che ne perpetrò la razza.

Ci furono uomini come Cole Blake, che trascorse una vita intera a cercare di migliorare la linea di sangue di Steel Dust e dei cavalli Billy. Il suo miglior cavallo fu un nipote dell’originale Cold Deck, Tubal Cain, che com’egli diceva, aveva “l’occhio di un’aquila e il passo di un cervo“. La sua reputazione si diffuse ad ogni angolo della terra dei cavalli.

Il più tenace ed eloquente di tutti coloro che campionarono la linea di Steel Dust, fu Dan Casement del Kansas e del Colorado. Il primo cavallo di di Casement fu Concho Colonel, un discendente della linea “Billy” che va indietro fino a Steel Dust e Shiloh. Casement era appassionato se si trattava di difendere il classico stile “bulldog” del Quarter Horse originale. Diventò una figura chiave nell’organizzazione alle origini dell’AQHA .( American Quarter Horse Association).

Nel Sud del Texas ci saranno per sempre degli uomini per sempre collegati allo sviluppo del Quarter Horse. Essi furono Ott Adams e George Clegg: entrambi credevano che la velocità fosse una dote essenziale nel Quarter Horse , sia che si fosse sulla pista o che ci si lanciasse con il lazo nel pascolo o in arena.

I due cavalli più famosi di Adams furono Little Joe, da Traveler, e suo figlio, John Moore. I più grandi cavalli di Clegg furono Old Sorrel, lo stallone fondatore dei Quarter Horse della linea “King Ranch”. Ott Adams e George Clegg lasciarono marchi indelebili sulla razza .
Il primo uomo che effettivamente cercò di definire il Quarter Horse come una razza distinta fu William Anson . Nato in Inghilterra, crebbe circondato da buoni cavalli ed era un ottimo giocatore di polo. All’età di 21 anni, Anson venne in America e fondò un ranch vicino a Christoval, Texas. Fu affascinato dai piccoli e veloci cavalli da mandria con i quali venne in contatto ed iniziò ad indagare sulle loro origini. Anson pubblicò le prime informazioni che collegavano il cavallo da mandria dell’Ovest con i suoi inizi coloniali. Durante la “Boer War”, Anson portò cavalli in giro per tutto il Texas in vendita per il Governo Britannico. Questo gli diede l’opportunità di mettere insieme una buona quantità di fattrici per sé stesso che fece accoppiare con il suo cavallo Billy, Jim Ned e Harmon Barker, un puledro di Peter Mc Cue.

Un altro uomo i cui cavalli contribuirono enormemente allo sviluppo e agli standard della razza fu Samuel Watkins del “Little Grove Stock Farm” in Illinois. Watkins era un uomo da cavalli da corsa, e credeva nella linea di sangue di Steel Dust. Ha incrociato Jack Traveler, un figlio di Steel Dust, con una sua sorellastra ed ottenne la grande fattrice Butt Cut. Dopo una brillante carriera nell’ippica, Watkins fece ibridare Butt Cut con Barney Owens, un figlio di Cold Duck che a sua volta era un incrocio di Steel Dust e Shiloh, ed ottenne un puledro chiamato Dan Tucker. I più grandi cavalli texani originarono da quelli di Watkins. Harmon Baker , Hickory Bill e il favoloso Peter Mc Cue vennero tutti da quella fattoria dell’Illinois.

Un altro allevatore che mise le basi e aiutò a preservare il sangue del Quarter Horse moderno fu Coke T Roberds . Nato in Texas, egli lavorò come cowboy nel Colorado per poi dedicarsi all’allevamento dei cavalli in Oklaoma nel 1898. Acquisì parecchie buone fattrici della linea Steel Dust e le fece accoppiare con il suo stallone Old Fred , che anche lui aveva antenati di Steel Dust e Shiloh. Roberds affermava che si poteva incrociare Old Fred con un vagone merci e si sarebbe ottenuto comunque un cavallo da corsa. Roberds fu anche fra i proprietari del grande cavallo di Watkins, Peter mcCue.

Blake, Casement, Adams, Anson, Clegg, Watkins, Roberds e altri come loro riconobbero tutti le qualità del Quarter Horse . Sapevano come allevarli per valorizzarne le qualità migliori , ed erano consapevoli dei denominatori comuni dei migliori cavalli. Fu come se tutti questi uomini avessero un alleanza per i cavalli chiamati “Steel Dust”. Lo sforzo congiunto da loro dedicato avrebbe condotto alla fondazione ed organizzazione del “American Quarter Horse Association” .

Don Hedgpeth

Tratto e tradotto da : https://www.aqha.com/history-of-the-quarter-horse

0 63