IMG-20221215-WA0087

Nei secoli, i cavalli hanno giocato un ruolo enorme nella storia dell’umanità, diventando una parte essenziale delle nostre vite, delle tradizioni e della cultura e di conseguenza, anche per quello che riguarda il periodo natalizio non ci sono eccezioni!

In questa stagione delle feste, abbiamo fatto un po’ di ricerche per scoprire come il cavallo viene celebrato nei paesi intorno al mondo

Sinterklaas , Belgio e Paesi Bassi

Basandosi sulla figura di San Nicola, il Sinterklaas indossa una lunga mantella rossa sopra una tradizionale alba bianca da vescovo. Le festività iniziano intorno alla metà di novembre, quando il Sinterklaas arriva con un battello a vapore ( si suppone dalla Spagna) in una città di mare stabilita – Nei Paesi Bassi, arriva tradizionalmente nella città di Antwerp.

Cavalcando un cavallo bianco, Sinterklaas sfila per le strade fra la folla che intona canti natalizi tradizionali. L’evento viene trasmesso alla TV nazionale in entrambi i paesi.

Alla vigilia di San Nicola, i bambini riempiono le scarpe di carote e fieno e le lasciano vicino al focolare per il cavallo di Sinterklaas, insieme ad una ciotola d’acqua. Se si sono comportati bene, il mattino seguente al loro risveglio riceveranno in dono dei dolci o dei pasticcini al posto dei cibi per il cavallo.

Nei Paesi Bassi, l’ultimo cavallo del Sinterklaas si chiamava Amerigo ma purtroppo scomparve nel 2019 ed è stato rimpiazzato da “Oh zo snei “( “Oh così veloce “) da un verso di una famosa canzone natalizia. In Belgio , il nome del cavallo è “Slecht weer vandala”,( brutto tempo oggi ) oppure “Mooi weer vandala” ( bel tempo oggi )

Il Natale del Cavallo – Boston , Massachusetts, USA

Celebrato per la prima volta nel 1916, quando il cavallo era l’unico mezzo di trasporto, Il Natale del Cavallo fu iniziato dalla locale “Società per la prevenzione della Crudeltà sugli animali “(Massachusetts Society for the Prevention of Cruelty to Animals) fondata da George Ansell. Poiché molti cavalli dell’epoca soffrivano di malnutrizione ed erano debilitati dalle lunghe ore di lavoro, questo Natale fu creato per migliorare le loro condizioni di vita e di lavoro.

Il giorno del “ Natale del Cavallo”, gli abitanti di Boston avrebbero decorato un albero di Natale nella piazza delle Poste con carote, mele, zollette di zucchero e pannocchie per i cavalli di passaggio. La Fondatrice della “Lega per la salvezza egli animali “(Animal Rescue League of Boston), Anna Harris Smith,diceva alla popolazione: “ Perché non riservare qualche piccolo pensiero per Natale a questi nostri servi fedeli e lavoratori? Perché non far fare Natale anche a loro ?”

Dal suo inizio, il Natale dei Cavalli si diffuse nelle città vicine, diventando una tradizione natalizia molto amata fino agli anni ’50 .

Dolcetti per i cavalli Mordvinia, Russia

In Mordvinia, Russia, i cavalli sono sempre stati amati e rispettati, trattati come membri della famiglia .Sono nutriti bene soprattutto nel periodo natalizio,con pane e dolcetti dalla forma di cavallo e gli avanzi del pranzo di famiglia. La credenza è che se un cavallo mangia bene durante i primi giorni dell’anno, resterà comunque in buona salute anche per tutto il resto dell’anno.

Giorno di Santo Stefano:

Norvegia

Onorando il Santo Patrono degli animali da cortile per gli Scandinavi, Santo Stefano, esiste un rituale speciale per abbeverare i loro animali. Secondo la tradizione, i proprietari che vogliono mantenere i loro cavalli in buona salute, veloci e forti, dovrebbero prendere l’acqua per abbeverare ciascuno di loro alla mattina di Santo Stefano

Una tradizione simile esiste anche in Ucraina, dove i proprietari di cavalli metterebbero una moneta d’argento nell’abbeveratoio del cavallo . Lo stesso giorno, viene scelto il mandriano e si pattuisce il suo compenso .

El Tope, Costa Rica

Il giorno di El Tope, che è l’evento più importante del calendario locale, oltre 3000 cavalieri montano per le strade di San José per la celebrazioni del bestiame e dell’agricoltura. Le donne vestono gonne e drappeggi sgargianti sui cavalli, e ci sono anche corride ed eventi legati ad essi .

6 Gennaio :

 Il “Piccolo Natale” della Serbia

Durante il giorno chiamato ”Piccolo Natale “ in Serbia, gruppi di giovanotti corrono per le strade delle città con campanacci e sbattendo ferri di cavallo allo scopo di scacciare gli spiriti malvagi ed i demoni. Il giorno dell’Epifania, i bambini spargono del fieno nel locale della trebbiatura e i cavalli vengono condotti intorno per trebbiare il grano con gli zoccoli. Questo grano viene poi utilizzato per preparare del pane per la festa .

Feste Natalizie in Russia , Bielorussia e Ucraina
Dal 7 al 18 Gennaio

Tanti anni fa, questo periodo festivo era considerato il migliore per le divinazioni delle fanciulle in questi paesi e i cavalli, soprattutto quelli bianchi, svolgevano un ruolo importante in questi rituali, molto dei quali servivano per predire il futuro matrimoniale delle ragazze .

Per predire se una ragazza si sarebbe sposata durante l’anno nuovo, avrebbe dovuto sedersi al contrario su un cavallo sellato, i cui occhi erano bendati con un grembiule, prendere la sua coda in bocca e osservare in quale direzione si sarebbe diretto. Se il cavallo si muoveva verso l’uscita, significava che la ragazza si sarebbe sposata a breve o entro l’anno, se invece si dirigeva verso la stalla o un altro luogo chiuso, significava che quell’anno non avrebbe avuto occasioni matrimoniali .

Gruppi di ragazze si riunivano per dei rituali particolari allo scopo di capire chi di loro si sarebbe sposata per prima . Si sedevano insieme in fila e riempivano i loro grembiuli di mais, e la ragazza dove il cavallo si sarebbe diretto si sarebbe sposata per prima. Poi spargevano le assi di una slitta sul pavimento e conducevano il cavallo a camminarci sopra: se inciampava, significava che il futuro marito sarebbe stato crudele con loro .

Mari Lwyd- Galles

Il rito pagano del Mari Lwyd,che vede una specie di gozzovigliatore vestito con un drappo bianco, decorato con campanelli e nastri che porta in mano il teschio di un cavallo, è ancora celebrato in alcune parti del Galles. Come parte di questa tradizione, un cavallo bianco visita le case nel periodo natalizio e sfida gli abitanti a recitare versi in rima con la poesia di Mari Lwyd- la sfida termina con il cavallo che viene rifocillato con cibo e acqua e a cui viene dato il permesso di entrare in casa .

Una simile tradizione c’è anche nel nord dello Yorkshire, dove alla vigilia di Natale “Poor Old Hoss”, un personaggio alto, vestito con una tunica nera che indossa una maschera a forma di testa di cavallo, viene fatto sfilare per tutto il paese da un gruppo di cacciatori.

Il gruppo visita i negozi e le attività commerciali e si esibiscono in un piccolo spettacolo in versi , dove al cavallo viene “sparato “ per poi essere miracolosamente “resuscitato” da loro

Il Cavallo Dala – Svezia

Merita qualche parola il cavallo Dala (Dalahäst) proveniente dalla provincia svedese di Dalarna.

Simbolo del Natale e della Svezia, questi cavalli in legno hanno origini antiche: nacquero nel XVII secolo, nei villaggi di Mora Vattnäs, Risa, Bergkarlås e Nusnäs, dalle mani di abili intagliatori che li producevano sotto forma di giocattoli per bambini da regalare a Natale, riutilizzando scarti di lavorazione del legno derivanti dalla fabbricazione di mobili e orologi.

Esiste anche una leggenda secondo la quale, a scolpire per primo un cavallo Dala e a dipingerlo di rosso vivo, fu un soldato, in cambio di un po’ di zuppa. Il soldato ne produsse un altro e ricevette, dalla famiglia ospitante, ancora più zuppa, così che i suoi commilitoni decisero di intagliarne altri per barattare il cibo.

La scelta del cavallo non era casuale, si trattava infatti di un animale molto importante per le famiglie di allora, considerato compagno di lavoro ma anche fedele amico.

Nel XIX secolo la produzione di cavalli Dala aumentò progressivamente anche per merito dei venditori ambulanti di artigianato, che continuarono a proporli a Natale. I primi esemplari erano principalmente di colore rosso, mentre le decorazioni vennero aggiunte in seguito e perfezionate negli anni, ispirandosi a motivi floreali folcloristici

Fu così che divennero simbolo del Natale e della cultura tradizionale svedese.

Sarebbe giusto quindi dire che i cavalli vengono celebrati in molti modi in tutto il mondo!

Ad ogni modo, sia che decidiate di trascorrere il periodo delle feste con il vostro amico a quattro zampe oppure no …

Vi auguriamo Buone Feste !!

https://www.greenme.it/lifestyle/speciale-natale/cavallo-dala-origini-storia-souvenir-svedese/

https://www.equestriansurfaces.co.uk/news/horsey-christmas-traditions/

 

 

 

 

 

 

 

0 9