1ab9a7f39b50b925bc397c8839c69e59

Spesso i proprietari pensano che i propri cavalli abbiano mal di schiena. Ma è veramente un problema così frequente?

È capitato a tutti mentre montiamo di sentire il cavallo non muoversi bene, forse lo abbiamo sentito quasi zoppicare ; o ancora, chi non ha provato a fare scorrere le dita lungo la sua colonna vertebrale e lui di conseguenza indietreggia in quanto la sua schiena è dolorante?

Cos’è? Il dolore nella parte posteriore della schiena del cavallo è un disturbo comune, ma di solito non è l’unico problema. Purtroppo il cavallo non può dirci che gli fa male la  schiena , il che significa dare il via a molte ipotesi …. Ma il dolore alla schiena non è così comune come si potrebbe pensare…

Perché i proprietari pensano che i loro cavalli hanno mal di schiena? Si dice che è possibile testare la schiena del nostro cavallo per verificare se prova dolore eseguendo con le dita o con un oggetto contundente come un pennarello, una pressione costante dalla groppa fino a giù, su entrambi i lati della colonna vertebrale.

Ma non è del tutto vero :infatti quello che i proprietari di cavalli vedono come un segno di dolore in realtà può essere solo un riflesso.Il veterinario Dr.Scot Martin dice : “Non ho mai provato a premere sulla schiena di un cavallo con le dita perché qualsiasi cavallo potrebbe  iniziare ad  indietreggiare se la pressione che si esercita sul disco è abbastanza forte . Non è un vero dolore ma è solo il fastidio per la pressione”.

Il Dott. Jim Hassinger di “Hassinger Equine” in Aberdeen, North Carolina, lavora durante i maggiori show come l’All American Quarter Horse Congress” dove si vedono spesso molti casi di cavalli che sono doloranti sulla schiena. Questi sono spesso i sintomi più comuni . Egli afferma che la cosa più frequente che gli riferiscono sia la riluttanza nel riunirsi e andare avanti al galoppo: “A volte perdono il posteriore durante le curve. Possono avere una falcata breve con entrambe le zampe posteriori. Queste sono i sintomi più comuni che ci fanno pensare che un cavallo potrebbe avere mal di schiena”.

Il Dott. Martin dice che i sintomi principali presenti nei cavalli con il mal di schiena sono: irritabilità quando vengono sellati o quando viene stretto il sottopancia, rigidità mentre lavorano o in alcuni casi il cavallo può anche sgroppare o calciare quando gli viene chiesto di effettuare un comando. “Il dolore alla schiena può diventare un “catch-all “cioè può raccogliere diverse cose”, afferma il veterinario Dott. Benjamin Espy.

“Alcuni cavalieri si sentono frustrati  se hanno dei problemi di comportamento con i propri cavalli. Quindi il mal di schiena diventa la scusante quando il cavallo non vuole fare qualcosa”. Il Dr. Martin dice che se qualcuno gli porta  un cavallo riferendogli  un mal di schiena, per lui è una sorta di bandiera rossa. “Onestamente penso che sia  molto meno comune di quanto il problema si pensi o si dica che sia  . Si tende a credere alle diagnosi fatte dai proprietari e dai trainers. Quindi, se un cliente dice che il suo cavallo ha mal di schiena, il cavallo deve dimostrarlo prima di tutti a me. Il vero mal di schiena , infatti,è difficile da diagnosticare”.

Ma questo non significa che la schiena del cavallo non possa fare male . Più comunemente, il cavallo potrebbe avere qualche mal di schiena dovuto ai muscoli connessi o ad un altro problema.

Il Dott. Espy sostiene che nella sua esperienza, non si vede quasi mai “il mal di schiena primario”, che è quando il mal di schiena del cavallo è l’unico problema. “Non ho mai visto un cavallo normale che ha un infortunio alla schiena. È sempre collegato a qualcosa d’altro”, dice. “Quando un cliente sospetta che il suo cavallo ha mal di schiena, la prima cosa che faccio è parlare di ciò che hanno fatto e che fanno abitualmente, poi eseguo un esame classico per evidenziare eventuali zoppie sul cavallo”.

Il Dott. Hassinger lavora con molti cavalli da “all-around “che competono in Horsemanship, Trail e Hunt Seat Equitation. Inizia con una palpazione standard della parte posteriore, e concorda sul fatto che la stragrande maggioranza delle volte, quando un cavallo gli si presenta con la schiena dolorante, il mal di schiena non è il problema primario. In genere, si tratta di una zoppia ad una zampa posteriore.

Quello che succede è che, per esempio, il cavallo ha un problema al ginocchio o al garretto e e finisce con l’avere mal di schiena perché si muove male per compensare il dolore primario.

“La questione zampa posteriore determina che il cavallo si vede costretto a spostare il suo centro di gravità e lo obbliga ad usare i muscoli della schiena goffamente, che è in realtà la causa che determina il suo mal di schiena”, spiega il dottor Martin. L’80 e il 90 per cento dei cavalli che hanno dolore alla schiena, hanno in contemporanea un dolore primario altrove, e su questo i veterinari sono tutti d’accordo.

“Direi solo che questa settimana ho visitato quattro cavalli con dolore alla schiena, e a due di loro sono state diagnosticate clinicamente zoppie al garretto. Un’altro era clinicamente zoppo al ginocchio”, dice il Dott. Espy. “Nel quarto caso il dolore era determinato dal sottosella” (usato per sopperire alla scarsa dimensione della sella).

Le dimensioni della sella. Questa è la prima causa di vero dolore primario alla schiena del cavallo. Il mal di schiena primario non è comune, ma succede. Il Dott. Hassinger dice che il problema di dimensioni della sella è quello più diffuso tra i suoi clienti trainers, quindi  è importante controllare.

“Nella mia esperienza”, dice il Dott. Martin , “la prima causa di mal di schiena nei cavalli è l’impropria dimensione della sella”. Circa l’80 per cento dei cavalli in cura dal Dott. Martin sono cavalli sportivi”. Dopo aver controllato la pulizia del sottosella, bisogna anche controllare che la sella non esca dal sottosella”. Il Dott. Espy dice che spesso i proprietari di cavalli pensano di poter compensare una sella economica o piccola utilizzando una maggiore imbottitura del sottosella.

“Le persone hanno una sella e se pensano che non si adatta al cavallo che stanno montando, la prima cosa che fanno è aumentare l’imbottitura sotto la sella . Anche se si tratta di una bella sella , si è seduti sulla cima di due o tre sottosella, in quanto la gente pensa che questo possa aiutare il cavallo. Nella mia esperienza questo adatta la sella in modo errato.

E, naturalmente, una sella con l’arcione rotto è paragonabile ad un albero spezzato e sicuramente può causare al dorso del cavallo ferite doloranti. Se si possono escludere i problemi di dolore alle gambe o di inadeguatezza della forma e della dimensione della sella, allora una diagnosi può essere più difficile. È davvero importante che il veterinario comprenda bene che cosa è stato chiesto di fare al cavallo. Ad esempio, il Dottor Espy spiega che se un proprietario gli porta un cavallo che presenta un mal di schiena primario e gli dice che lo ha appena usato per un trail, c’è da essere scettici.

A quel punto aggiungerei: “Posso chiedere se vostra figlia fa Barrel Racing o vostro marito pratica Team Roping con questo cavallo? Quelli sono eventi che potrebbero causare un mal di schiena”. Martin e Espy entrambi vedono dei cavalli da roping con mal di schiena veri e propri, causati dal tipo di lavoro che viene chiesto loro. Il Dott. Espy è un veterinario ufficiale della Professional Rodeo Cowboys Association e si prende cura di molti cavalli professionisti da rodeo.

“Vedo un sacco di cavalli da tie-down roping e da team roping utilizzati ad un livello professionale, e ovviamente quelli hanno un enorme stress sulla schiena. Il cavallo non è fatto per avere un bovino legato alla sella. In altre parole, un cavallo è in grado di gestire il peso, ma il modo in cui questo è applicato alla sella può essere causa dolore al cavallo”. I cavalli da performance con cui lavoro sono in genere cavalli da cutting o da cow horse e hanno di solito per conformazione una schiena corta e potente, il Dott. Martin spiega e il Dr. Hassinger concorda: “La conformazione è spesso il preludio alla causa”.

Un difetto di conformazione  che può determinare uno o più problemi di  mal di schiena, è chiamato spina baciata. La spina baciata si ha quando i processi spinali dorsali sono troppo vicini , e questo può causare dolore. In parole povere questo significa che le ossa che compongono la colonna vertebrale sono troppo vicine, si vanno a “baciare”. Che si tratti di un problema di conformazione  o solo di un problema determinato dal carico di lavoro, i proprietari di cavalli sono ovviamente spaventati da questo problema e i veterinari devono capirne la reale causa.

In genere, i veterinari curano il dolore con infiltrazioni alla schiena, oppure con una terapia con onde d’urto extracorporee, o lavorano sui tessuti profondi, potrebbero praticare un massaggio o una terapia anche chiropratica o l’agopuntura. O più probabilmente, il veterinario potrebbe scegliere una combinazione di questi trattamenti. Il Dott. Espy è anche un agopuntore con licenza, ma dice che è importante per il medico di riconoscere i suoi limiti.

“Io non sono così presuntuoso da credere che chiunque possa guarire un cavallo” Dr. Espy dice “Non sappiamo tutto e non possiamo riparare tutto. Molto spesso, io infiltrerei le articolazioni, ma altresì cambierei il tipo di ferratura di un cavallo. Oppure potrei praticare l’agopuntura e dei massaggi terapici. Per me, si tratta di un approccio di squadra . Vedo dei cavalli che percorrono sul trailer 200,000 km all’anno. Se penso di poter mantenere in forma e in salute quel cavallo da solo, sono uno sciocco. Ci vuole una squadra. Non c’è nessun cavallo ad un elevato livello di competizioni che stia bene per merito di una sola persona”.

Detto questo, mentre il tuo veterinario può suggerire una terapia alternativa, è sempre meglio ottenere prima una diagnosi. Soprattutto perché la maggior parte dei dolori alla schiena sono legati ad una zoppia posteriore arretrata, e conoscere questo è fondamentale per ottenere il parere di un veterinario prima di spendere soldi in chiropratica o massaggio terapeutico in quanto qualsiasi trattamento potrebbe risultare superfluo.

Il Dott. Martin è d’accordo. “I Chiropratici possono aiutare solo i cavalli che hanno veramente un problema; solo se hanno un disallineamento delle vertebre della schiena”, dice il Dott. Martin. I modi migliori per prevenire dolore primario alla schiena sono: in primo luogo, assicurarsi che la sella ed il sottosella siano della corretta forma e misura per il vostro cavallo. In secondo luogo, essere consapevoli del carico di lavoro e del terreno di lavoro. “Se si mette la sella su un cavallo e poi si incomincia subito a galoppare e a fare sliding stop, si sta andando a causare problemi”, dice il Dott. Martin “Per il fisico del cavallo, come chiunque , la terapia, come lo stretching e il riscaldamento corretto sono importanti”. I metodi per rafforzare i muscoli della schiena e la linea dorsale sono importanti e servono a mantenere il cavallo sano ed a evitare che un dolore alla schiena diventi cronico.

“La cosa più comune e che possiamo fare tutti è mettere la testa giù e all’interno al trotto” spiega il Dott. Hassinger “Non si può legare la testa in giù , bisogna insegnare loro a metterla lì finché non la tengono in posizione da soli”. C’è anche un’altra tecnica che utilizza una postura del cavallo simile ma senza il cavaliere, essa prevede l’utilizzo del fascione e corde. Anche se inaccessibile per alcuni, un tapis roulant è un buon modo per rafforzare la linea dorsale, ancora meglio se parliamo di un tapis roulant acquatico dove il cavallo può nuotare. Anche se la moderna tecnologia è d’aiuto ,è difficile fare una diagnosi davvero efficace del mal di schiena.

Ecco perché è davvero importante consultare un veterinario esperto. Può essere che il cavallo abbia bisogno di infiltrazioni comuni o di una sella diversa, oppure non c’è niente che non vada nel cavallo e semplicemente i proprietari hanno avuto un comportamento sbagliato. Tutte queste cose sono veramente difficili da identificare per il proprietario. Non importa quale sia la risposta, ma di solito è frustrante. A causa di ciò , un veterinario meno esperto potrebbe essere tentato di dare ai proprietari la diagnosi che vogliono sentire.

“Se la schiena del cavallo a mio parere non è dolente, lo dico al cliente” Dice il Dott. Martin. “E questo accade circa il 50 per cento delle volte”. Alcuni cavalli rimangono sensibili alla palpazione della parte posteriore anche quando il problema è risolto. “Per me, la parte più difficile è determinare se il cavallo migliora. Anche se il soggetto è ancora sensibile alla palpazione, bisogna capire se sta migliorando”.

Conosciamo gli specialisti
Il Dott. JIM Hassinger si è laureato alla Università dello Stato del North Carolina e all’Auburn University School di Medicina Veterinaria. Ha praticato attivamente medicina veterinaria per 25 anni. Nel 2003, il Dr. Hassinger  aprì l’Hassinger Equine Service in Aberdeen, North Carolina, a tutti gli effetti una clinica dello sport con all’interno una sezione dedicato alla zoppia equina, dalla gestione delle prestazioni, alla riabilitazione.

La sua pratica include molti atleti-equini dello circuito AQHA, e il suo furgone è presente a show quali AQHA World Championship Show di Oklahoma City, e l’All American Quarter Horse Congress a Columbus, in Ohio.

Il Dott. Benjamin Espy ha conseguito una laurea in biologia alla Duke University nel 1991. Nel 1996 è diventato medico di medicina veterinaria presso la Texas A & M University. Un professionista specializzato in riproduzione equina ed infertilità, durante la sua carriera il Dott. Espy ha praticato medicina equina in Brenham, Texas, San Antonio, e Lexington, Kentucky, all’Hagyard Equine Medical Institute. Oltre ad essere autorizzato a praticare l’agopuntura, egli è il presidente della American Association of Equine Practitioners, è a capo del comitato per l’istruzione e fa parte del consiglio di amministrazione AAEP.

Il Dott. Espy è anche il collegamento tra AAEP ed il consiglio di amministrazione della Texas Equine Associazione Veterinaria ed è un veterinario ufficiale della Professional Rodeo Cowboy Association “PRCA”. Il Dott. SCOT MARTIN è cresciuto a Spearman , Texas , e ha conseguito la laurea in medicina veterinaria alla Texas A & M University nel 1986. L’anno seguente, ha completato uno stage con il dottor Steve Conboy a Lexington, Kentucky, specializzandosi in cavalli da corsa, medicina della riproduzione e puledri. Ha poi lavorato all’Littleton Equine Center (ex Littleton Large- Animal Clinic ) tra il 1987 e il 1990. Nel 1900 torna a casa a Spearman e nel 1996 diventa socio allo Hansford County, Ospedale Veterinario. Il suo interesse principale è la pratica della medicina equina e della chirurgia , con la specializzazione sulla zoppia . Sta operando come membro del comitato pratica equina della Texas Veterinary Medical Association dal 2013.

Per gli appassionati del Quarter Horse:

Tutti possono consultare la rivista on line della AIQH gratuitamente visitando il sito ufficiale dell’Associazione

www.aiqh.it

Redazione
Fonte: Quarter Horse Magazine Italy
Articolo di Sara Gugelmeyer “The American Quarter Horse Journal”

0 54