ae2857d4-b452-4ca7-82d7-6d4bd10c4e35

L’asimmetria nei cavalli: dipende dal contesto

Ogni cavallo è asimmetrico come pure il suo cavaliere:la simmetria perfetta è molto rara in natura poiché ogni essere vivente viene plasmato dalla sua genetica, le sue esperienze e il suo stile di vita. La forma rispecchia la funzione, che significa che le asimmetrie che noi osserviamo nei nostri cavalli sono una conseguenza di come usa il proprio corpo.

L’asimmetria può darci informazioni importanti su come il cavallo risponde all’addestramento. Questo si può notare particolarmente nello sviluppo asimmetrico dei muscoli. ma l’asimmetria è solo un indizio, non è una risposta. Nel caso dei muscoli, è abbastanza semplice dedurre che se il muscolo sinistro è più sviluppato di quello corrispondente destro, che il cavallo usi di più quello. Ma a questo punto dovresti chiederti.. Il cavallo sta usando troppo il muscolo sinistro o non usa abbastanza quello destro? Può essere un caso di ipertrofia del muscolo sinistro oppure un’atrofia di quello destro? Quale muscolo si è sviluppato nel modo “giusto”?

La stessa cosa vale per le asimmetrie del bacino. Se avete un cavallo il cui lato sinistro del bacino (tuber coxae) è più alto del sinistro, significa che il lato sinistro sia troppo alto oppure il destro troppo basso? Difficile a dirsi ameno ché non vediate il cavallo in movimento oppure lo tocchiate. Di solito è un buon indizio osservare e controllare il bacino in movimento. Il lato disfunzionale dovrebbe sembrare bloccato e rigido nel movimento. Ecco perché le asimmetrie devono sempre essere osservate durante il movimento.

L’asimmetria del bacino

Un cavallo può avere un’asimmetria pelvica evidente a causa di una frattura: questa sarà evidente a seconda della guarigione; nessun addestramento, movimento o fisioterapia lo renderà più simmetrico- ma con il movimento e l’addestramento il suo bacino può ritornare almeno funzionale. Ma molto cavalli soffrono comunque di bacini asimmetrici senza avere sofferto delle fratture. Potrebbe essere dovuto alle fasce muscolari contratte e limitate ed una volta risolto il problema il bacino ritorna simmetrico. Potrebbero esserci contrazioni della zona sacro-iliaca che rendono il bacino asimmetrico, potrebbe essere dovuto ad un vecchio infortunio dei fasci pelvici. Potrebbe essere dovuto anche ad uno sviluppo disarmonico dei muscoli dovuto ad un addestramento sbilanciato.

Zoccoli asimmetrici

Un altro esempio potrebbe essere considerato più complesso: molti cavalli hanno piedi asimmetrici in natura– un piede può avere un tallone più alto dell’altro per esempio, oppure un dito più lungoo più largo: questo, nella maggioranza dei casi, può essere dovuto alle loro preferenze nel pascolare ed al loro movimento spontaneo. Alcuni dicono che potrebbe perfino dipendere dalla loro posizione nell’utero materno, l’aspetto dello zoccolo è estremamente complesso perfino prima di considerane l’usura. Infortuni e la relativa compensazione possono oltremodo peggiorarla. Ad esempio una cavalla che è stata un cavallo da corsa ed una fattrice – ha sofferto un infortunio all’ippodromo e fu messa al prato all’età di sei anni. Anche se l’infortunio guarì molti anni prima, da allora ha comunque mantenuto un andatura di “compensazione “. Forse se fosse stata riabilitata oppure messa a fare del lavoro leggero sarebbe diventata più simmetrica. La guarigione per un cavallo che ha camminato, compensando l’andatura percosì tanti anni, sarebbe un processo estremamente lungo. Nonostante la sua asimmetria, comunque, non ha mai dato segni di sofferenza ed era a suo agio nel paddock.

Appoggiarsi su una spalla

Ci sono cavalli che tendono ad appoggiarsi maggiormente ad una spalla mentre vengono lavorati. I proprietari fanno molto lavoro a terra e non si rendono conto che il cavallo “imbroglia” inclinandosi su una spalla.Alla fine questo causa i muscoli di svilupparsi in modo asimmetrico- e più vanno avanti, più sviluppano problemi fino a che diventa evidente e allora il proprietario inizia a notarlo. Se ci si accorge in tempo, si può correggere il movimento in modo bilanciato in modo che il cavallo ritorni ad apparire simmetrico nel movimento.

Ad ogni modo, quando si tratta di asimmetrie non ci sono risposte sicure su che cosa può averle causate o fino a che punto possono essere corrette. La cosa più importante è la funzionalità,più dell’estetica, così bisogna a sempre cercare di muovere il cavallo in modo bilanciato e simmetrico. Il suo corpo si adatterà e le asimmetrie diventeranno meno evidenti, ma molti cavalli manterranno per sempre delle asimmetrie. In tutto ciò non c’è niente di male: la cosa importante è che il cavallo si senta a suo agio nel lavoro e con il suo corpo.

 

di Katja Porenta

tradotto da https://www.equitopiacenter.com/asymmetry-in-horses/

0 15